Tu sei qui

Il castello di Costigliole d’Asti si anima con gli spettacoli dei laboratori teatrali

  • Il castello di Costigliole d’Asti si anima con gli spettacoli dei laboratori teatrali.

Il suggestivo maniero di Costigliole d’Asti torna ad animarsi con gli appuntamenti previsti dal progetto “Castello di Costigliole d’Asti, il racconto e la cultura del territorio", sostenuto dalla Compagnia di San Paolo attraverso il bando "I luoghi della cultura 2018” e promosso dal Comune di Costigliole d'Asti in partnership con il Teatro degli Acerbi e l'Associazione CRAFT.

Sabato 1 giugno alle ore 21, il cortile del castello ospiterà gli allievi del Laboratorio adulti avanzato diretto da Fabio Fassio e Elena Romano, che porteranno in scena "Il Borghese Gentiluomo": Il gruppo "senior" degli allievi del teatro degli Acerbi, dopo una prima parte di percorso incentrata su voce, dizione e interpretazione del testo a cura dell'attore Francesco Visconti, si è infatti cimentato nella messa in scena del classico di Molière riveduto e "scorretto" con la regia di Elena Romano.

Mercoledì 5 giugno alle ore 21, nello stesso luogo saranno in scena i bambini del laboratorio 7/11 anni diretti da Fabio Fassio ed Elena Romano con “Pinocchi”, adattamento teatrale di “Pinocchio, storia di un burattino” di Carlo Collodi a cura di Fabio Fassio. Le musiche di Enrico Tiso eseguite saranno eseguite dal vivo dalla Yamabanda - orchestra giovanile di Portacomaro diretta dal M Marco Scassa.

La storia di Pinocchio è un grande gioco di note, parole ed azione. Siamo tutti un po’ Pinocchi e tutti quanti aspiriamo a diventare un po’ più umani attraverso il bene che riusciamo a fare nonostante Gatti, Volpi e Lucignoli siano sempre nascosti dietro l’angolo.

Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito. Negli orari di spettacolo sarà possibile visitare nel castello, nelle suggestive sale del piano nobile, in collaborazione con l'Associazione Costigliole Cultura,  la mostra "Massimo Bertolini - Magma - il destino della forma e la scultura come impronta del nostro divenire".